Coda Italia

(Children of Deaf Adults), associazione di promozione sociale, figli udenti di genitori sordi

La famiglia – Figli di sordi condividono la loro vita

| 0 commenti

(Questo articolo è stato tradotto in italiano ed è disponibile nella sua versione in lingua originale al link:
http://www.nytimes.com/1986/12/15/style/the-family-children-of-deaf-share-their-lives.html )

“Lo chiedo ora a mio fratello, “Perché non potevamo mai parlare di queste cose?” ”, Ha detto il ventiduenne Annjoy Marcus. ” E ‘stata una parte così importante della nostra vita.’

” E ‘difficile da spiegare, ma era qualcosa di cui proprio non si doveva mai discutere’ ‘, ha replicato suo fratello maggiore ventiseienne, Alan. ” E ‘così liberatorio, ora, essere in grado di affrontare tutto questo.’ ‘

Quello di cui stavano discutendo – con le parole e con la lingua dei segni – è stata l’esperienza di crescere come bambini udenti figli di genitori sordi. Hanno condiviso questa esperienza la scorsa settimana con altri figli adulti di sordi, in una conferenza che ha rappresentato l’ultima espressione pubblica di un movimento che sta focalizzando nuova attenzione sulla nuova sordità in famiglia.

Non esistono statistiche sul numero di americani con familiari che hanno problemi di udito, ma il loro numero si ritiene sia di grandi dimensioni. Studi del “Census”, citati alla conferenza, stimano che circa 2 milioni di persone negli Stati Uniti siano profondamente sorde e che più di 18 milioni di americani hanno qualche problema di udito. Altri studi suggeriscono che il 90 per cento dei bambini nati da adulti sordi può sentire normalmente.

L’incontro al Marymount Manhattan College di New York, il primo nel suo genere sulla costa orientale, ha offerto approfondimenti sia sui benefici che sugli oneri di crescere nelle famiglie di sordi. L’incontro è stata la prova più recente di una tendenza verso l’aumento della comunicazione tra sordi, i loro genitori e figli, gli educatori e gli operatori che lavorano con loro.

I 100 partecipanti includevano i sordi, i loro familiari e gli esperti del settore. Contrassegnata di tanto in tanto da qualche lacrima e spesso da una risata, la riunione durata tutto il giorno ha offerto la traduzione simultanea sia per i sordi che per gli udenti.

” E’ solo negli ultimi due anni o poco più, che i figli di adulti sordi sono usciti allo scoperto in un certo numero” ha detto Nancy Frishberg, linguista I.B.M. che ha condotto una ricerca sulla lingua dei segni. Il Dr. Frishberg ha sottolineato l’importanza di rappresentazioni artistiche legate alle persone sorde e delle loro famiglie, come ad esempio la versione cinematografica di ” Figli di un Dio minore ” e la Hallmark Hall of Fame produzione televisiva di ” L’amore non è mai silenzioso. ”

Tuttavia, il Dr Frishberg e gli altri nel corso della riunione hanno detto che l’impulso principale ad una maggiore attenzione verso le famiglie dei sordi è stato il lavoro di un’organizzazione di istruzione e difesa, ovvero l’associazione CODA (figli di sordi adulti), che è anche sponsor della conferenza.

Il gruppo, con sede a Santa Barbara, in California ha attirato 500 membri sin dalla sua fondazione nel 1983, e ora ha cinque sedi in tutto il paese.

Molti figli udenti di genitori sordi hanno detto nel corso del meeting che condividere le opinioni sulla cultura sorda ha permesso loro di apprezzare un’esperienza che in passato avevano sottovalutato. ” E’ una cultura che alcuni da adulti cercano di respingere ,’ ‘ha detto Mike Jacobs, presidente della sede di Manhattan. ” Ma ora molti si stanno rendendo conto che si tratta di una esperienza che ci dà tanto in comune – beh ti toglie il fiato.

Da bambino il signor Jacobs ha iniziato a tradurre le trasmissioni radiofoniche ai suoi genitori sordi. Quando aveva 5 anni, ha detto: ”la leggenda familiare narra che una sera, mentre stavo traducendo ciò che stava andando in onda, mi sono girato verso la radio e ho detto: ‘Aspetta un attimo!’  Poi ha aggiunto, ” Noi figli di genitori sordi condividiamo molte esperienze nelle quali ci assumiamo responsabilità in anticipo rispetto ad altri bambini. ” Il signor Jacobs ha sottolineato che questo ha i suoi aspetti positivi e Mr. Marcus ha convenuto che ciò favorisce la maturità e l’indipendenza. ” Ma io ho anche avuto la sensazione di non aver mai avuto un’infanzia, ” ha detto Mr. Marcus. Un bisogno di ricerca.

” Abbiamo bisogno di molta più ricerca sui ruoli che assumiamo” ha detto Lou Ann Walker, l’autore di ” Senza parole ”, il suo libro di memorie sulla vita in una famiglia con genitori sordi.

Alcuni alla conferenza hanno detto che il libro, pubblicato lo scorso autunno, è stato il catalizzatore che li ha spinti a riesaminare la propria infanzia.

Uno dei ruoli di cui Ms. Walker riferisce è quello di essere stato mediatore tra i genitori e la società, un ruolo che ha paragonato a quello dei figli di immigrati che non parlano inglese. ” A volte siamo stati infastiditi da tutte le domande, ” ha detto. ” I tuoi genitori possono parlare, possono guidare una macchina, possono lavorare? Certo che possono!

Ma la gente crede che se i tuoi genitori non possono sentire, allora sono completamente disabili.

”L’ insensibilità della società verso i sordi è spesso esasperante, ha detto Mr. Marcus. ”Gli altri bambini chiedevano di mia nonna, ‘Oh, è lei la signora che è sorda e muta (dumb in inglese che ha anche il significato di stupido)?’ ” racconta ” E io mi arrabbiavo e spiegavo che la parola ‘muto’ (dumb in inglese) significa stupido, ma che mia nonna non lo era. ” Ha poi aggiunto: ” Trattare la sordità con i miei genitori, non era il problema. Il problema ha a che fare con la percezione del mondo della loro sordità.” La conferenza è stata sponsorizzata anche dalla Gallaudet University di Washington, una scuola di 180 anni, per i sordi, e dal Marymount Manhattan College, che offre l’unico programma di laurea certificato per gli educatori dei sordi nello Stato di New York. L’indirizzo di CODA è P.O. Box 30715, Santa Barbara, Calif. 93130. Una studentessa diciannovenne del secondo anno alla Marymount, Marcella Mitchell, ha detto alla conferenza, di aver imparato a segnare da un cugino. ” Un sacco di persone vedono i “non udenti” come persone sorde, invece di persone a cui semplicemente capita di essere sordi, ” ha detto la signora Mitchell. ” Vorrei che le persone potessero semplicemente guardare a loro come esseri umani. ”

Alla conferenza, alcuni adulti figli di sordi descrivono in modo commovente la prova dell’amore dei propri genitori. ” I miei genitori dormivano ogni sera con le loro mani attraverso la ringhiera del lettino in modo da sapere quando stavo piangendo o quando mi muovevo ha detto Mary Ann Klein del New York Society per la sordità.

” Essere qui, è stato affascinante, e mi ha spinto a chiedermi se i miei figli soffriranno alcuni di questi effetti, ” ha segnato Samuel Landau di Manhattan. Lui e sua moglie, Rachelle, che è anche sorda, hanno tre figli, di età compresa tra 7, 5 e 1 anno, udenti. ” Credo che sia necessario per noi parlare di queste cose”, ha detto.

” Non mi sento in colpa, però, di aver coinvolto i miei figli nella cultura dei sordi, ” ha detto Howard R. Busby, un professore dell’ Univesità di Gallaudet. Egli è il padre di quattro figli udenti, dai 6 ai 26 anni. ” Credo che sia stata una esperienza molto positiva per loro. ”

In effetti, molti dei partecipanti sordi hanno avuto piacere nel condividere l’umorismo che a volte trovano nella congiunzione tra mondo udente e mondo non udente. Uno dei momenti più divertenti è avvenuto quando il dottor Busby ha descritto le buffonate di suo figlio di 6 anni. ” E ‘molto orgoglioso di mettere in mostra la mia sordità ai suoi compagni di scuola,’ ‘ha affermato. ” Per dimostrare che sono sordo si mette dietro di me e grida. Io non rispondo, con sua grande gioia ”

” Ma un giorno, quando stava facendo questo giochino, per caso mi è capitato di guardarmi intorno, mentre lui stava urlando. Sai, penso che si stia ancora chiedendo se fingo o no! ‘

(Traduzione a cura di Silvia Lanciotti)

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.